mercoledì 26 novembre 2014

Nuovo contratto? No! Attacco alle mail aziendali

Nuovo attacco via posta elettronica

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Attenzione al messaggio email SPAM che, come segnalato anche da Cisco (vedi Threat Outbreak Alert RuleID8337: Email Messages Distributing Malicious Software on November 24, 2014 EN), in questi giorni è in circolazione in particolare sugli indirizzi di posta elettronica aziendali. Sono segnalate diverse varianti redatte anche in lingue diverse dall'italiano.

L'intero messaggio è progettato con tecniche di social engeneering (vedi Social engineering (security) - Wikipedia, the free encyclopedia EN) che, sollecitando la curiosità dell'utente, spingono all'apertura dell'allegato infetto. Il tentativo è di fornire un'esca appetitosa e far abboccare il malcapitato. La tecnica specifica è nota come phishing (vedi Riconoscere Phishing Postepay - Nuovo sistema di sicurezza e Un esempio di phishing ). Lo scopo del messaggio è indurre l'utente a scompattare l'allegato zippato e far avviare il programma fatto passare per un innocuo file allegato.

Ho ricevuto oggi una email così formata.
Mittente: Bianca.Crotti@tiscali.it
Oggetto: RE:: nuovo contratto novembre
Allegato: nuovo_contratto_2014_11_12_doc.zip
Testo:
Accolgo con grande favore,
Si prega di inviare un contratto firmato.
grazie

Saluti,


(continua sotto) 
promo


  

Fortunatamente io non ho aperto l'allegato, e comunque non avrei mai eseguito malware. Ad una prima lettura poteva sembrare un messaggio ricevuto per errore del mittente. In azienda può capitare di ricevere posta altrui. Insospettito ho riletto il messaggio ed ho capito. 


Solitamente prima di considerare un messaggio attendibile faccio una piccola analisi.
1 - conosco il mittente del messaggio?

Non conosco nessuna Bianca Crotti, ne ho contatti con l'azienda presso cui (si vuole far intendere) la d.ssa Crotti lavora.

2 - il messaggio è veramente indirizzato a me?

Il testo è molto breve ed impersonale. L'unico mio riferimento è la casella di destinazione.


(continua sotto)
promo

  

3 - il messaggio presenta allegati?

In presenza di allegati, il sospetto aumenta. In particolare se per le prime due domande la risposta è no. È molto sospetto il nome del file che presenta una doppia estensione. Il file non è sempre lo stesso. Per i casi italiani sono segnalati... 


file zip allegato: contratto novembre 2014 _doc.zip 
eseguibile contenuto nello zip: contratto novembre 2014 _doc.exe

oppure 

file zip allegato: 2014 contratto novembre_doc.zip 
eseguibile contenuto nello zip: 2014 contratto novembre_doc.exe




(continua sotto)
promo

4 - Ci sono ancora dubbi?

Per conferma trovo facile fare una verifica su internet per l'oggetto o parti del corpo del messaggio.

Fate attenzione!


Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Siti consultati:
tools.cisco.com/
amazon.it/

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.



(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

martedì 18 novembre 2014

SmartTV? Invadono la privacy per contratto

Sempre più funzioni, sempre meno privacy

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Mi sono già occupato delle tipologie di dati potenzialmente a disposizione di malintenzionati cracker che violassero le mura domestiche passando per il doppino dell'ADSL (vedi Il cybercrime è interessato alle SmartTV?). Nel post ipotizzavo l'illecita appropriazione di dati privati da parte di criminali. Purtroppo, come spesso accade, la realtà supera la fantasia. Dagli articoli che leggevo ieri sul tema (vedi Ma quanto sono spione le ''smart TV''? - Zeus News) l'appropriazione indebita sembra essere già una prerogativa delle case produttrici di smartTV. Come dice chiaramente l'articolo, già suona strano che l'uso di un televisore richieda una privacy policy (condizioni di gestione dei vostri dati personali).

(continua sotto)
promo

  
Rinunciare così alla privacy è praticamente un obbligo. Pena la lobotomizzazione dello smartTV che, in tal caso, perderebbe molte delle capacità intelligenti che probabilmente ci hanno prima spinto al suo acquisto (vedi LG Will Take The 'Smart' Out Of Your Smart TV If You Don't Agree To Share Your Viewing And Search Data With Third Parties | Techdirt). 


(continua sotto)
promo
L'utilizzo dei dati da parte dei produttori e loro partner terzi sarebbe indispensabile per la gestione di base dei device. Ma si badi che i dati trattati possono comprendere le diverse tipologie elencate sotto e non solo:
- accensione e spegnimento del dispositivo
- file multimediali letti/ascoltati/visualizzati
- file multimediali presenti su memorie esterne
- conversazioni intercorse nella stanza in cui è istallato il TV
- messaggi email letti
- applicazioni utilizzate
- siti web visitati

Quel che è peggio, è che il trasferimento è eseguito senza particolare cura per la riservatezza. Da alcuni casi citati, sembrerebbe che i dati siano trasmessi in chiaro, quindi potenzialmente alla mercé di chiunque. Probabilmente non sarà il caso di fermare la commercializzazione di questi prodigi tecnologici, ma certamente si dovrà chiedere un trattamento dei dati che rispetti i principi di Pertinenza, completezza e non eccedenza come intesi dal Garante (vedi garanteprivacy.it/).

Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

Leggi anche:

(continua sotto)
promo

  

Miglior risposta su Yahoo! Answers



(continua sotto)
promo


  


Link utili:
Il televisore che vi ascolta - Zeus News
Ma quanto sono spione le ''smart TV''? - Zeus News
LG Will Take The 'Smart' Out Of Your Smart TV If You Don't Agree To Share Your Viewing And Search Data With Third Parties | Techdirt EN
LG TV logging filenames from network folders | Ramblings EN
Siti consultati:
zeusnews.it/
amazon.it/

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.



(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

domenica 16 novembre 2014

Pedometro GoogleMaps - Quando si blocca il GPS

Quando si blocca il GPS

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Alcune settimane fa ho twittato Il pedometro di Google? Preferisco il GPS. Evidentemente il passerotto blu non l'ha presa bene e mi ha mandato in tilt l'applicazione NikeRunning che abitualmente utilizzo come sport tracker... (vedi Confronto Sport Tracker) ancora per poco! Presto passerò ad utilizzare il sistema di tracciamento della Garmin. Il tono critico del tweet è dovuto alla complessità di utilizzo dello strumento rispetto ad un comune GPS. In mancanza d'altro è utile allo scopo.

(continua sotto)
promo


  

Avendo preso il tempo di percorrenza col cronometro, ho avuto la necessità di utilizzare il pedometro per rilevare l'effettiva distanza del percorso.

Il servizio è disponibile gratuitamente all'indirizzo http://www.gmap-pedometer.com/

Per dettagli sull'utilizzo consiglio la lettura dell'articolo Il pedometro di Google.

Quando per qualche ragione non riesco a registrare l'attività col mio smartphone Samsung Galaxy S3, perché crasha l'app NikeRunning o perdo il segnale GPS, provvedo al caricamento dei dati in autonomia. Si può completare l'operazione da quando è disponibile la nuova funzione di registrazione manuale (vedi NikeRunning - Recuperare corse dallo smartphone). In precedenza, allo scopo, dovevo contattare il servizio di assistenza (vedi NikeRunning: come correggo il tracciamento di una corsa) e chiedere a loro il caricamento. Hanno sempre provveduto con grande precisione e pazienza. Viene il sospetto che la nuova funzionalità sia stata messa a disposizione per ridurre le richieste di seccatori come me!

(continua sotto)
promo

  

La funzionalità offerta dall'app NikeRunning permette l'inserimento manuale dei dati riepilogativi della corsa: data e ora, distanza, durata. Il passo medio è calcolato ma editabile. La funzionalità è attivabile da:
- schermata Activities
- tasto Menù
- Add Run


(continua sotto)
promo


Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Siti consultati:
albanesi.it/
amazon.it/

Twitter:
Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.


(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

giovedì 13 novembre 2014

Jobyourlife - LinkedIn italiano, lowcost e glocal

De Spirt: "Se stai cercando lavoro non ti facciamo pagare per trovarlo"

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Questa mattina in auto ascoltavo Gianni Minoli nel suo contenitore radiofonico Mix 24 di radio24. Durante l'intervista al nuovo Segretario Generale CISL Annamaria Furlan, ha citato un progetto italiano nel campo del recruiting molto interessante.


(continua sotto)
promo


  

Un 25enne veneziano ha ideato una piattaforma che, pur ricordando il colosso Linkedin, presenta alcune variazioni interessanti.
Per chi non lo conoscesse, Linkedin è il social network di professionisti di riferimento su web e mobile.
Professionisti ed aziende dispongono di diversi strumenti per avviare collaborazioni di lavoro.
Le caratteristiche del progetto che, leggendo un articolo sul tema (vedi Jobyourlife, la concorrenza italiana a LinkedIn | Estory ), ho trovato interessanti sono le seguenti:
- Paga solo l'azienda inserzionista: a partire da €99,00
- Nessun profilo Premium: i profili dei candidati hanno un solo tipo di account gratuito
- Centralità della georeferenziazione



(continua sotto)
promo

  

Parlare di concorrenza a Linkedin lo trovo un po' prematuro. De Spirt diceva a Minoli di contare circa 250.000 iscritti in costante crescita. Per arrivare ai 332.000.000 di Linkedin c'è molta strada da fare, ma il potenziale, a mio personalissimo avviso, non manca.


(continua sotto)
promo


Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

Siti consultati:
jobyourlife.com/
radio24.ilsole24ore.com/
estory.corriere.it/
amazon.it/
expandedramblings.com/ EN
linkedin.com/


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.




(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

Bufala - Pagliacci che rapiscono i bambini

Il tam tam su whatsapp crea inutili allarmismi

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]


Nelle ultime settimane è circolato un messaggio con fotografia che allertava sulla presenza di rapitori di bambini vestiti da clown a bordo di un furgone bianco. La fotografia, ritoccata, ritraeva questi personaggi su paesaggi via via diversi.


(continua sotto)
promo


  
Molti genitori hanno chiesto spiegazioni a Carabinieri e forze di Polizia che puntualmente hanno smentito. A Polignano a Mare, in Provincia di  Bari, il Sindaco, sul tema, ha inviato una comunicazione ai giornali locali.

(continua sotto)
promo



Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Siti consultati:
bufale.net/
amazon.it/
faxonline.it/
occhiodisalerno.it/


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.




(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

mercoledì 12 novembre 2014

Video - Striscia la Notizia - Appello di sicurezza informatica

"Striscia la Notizia" si parla di sicurezza informatica e cybercrime

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

La trasmissione di Canale 5 Mediaset "Striscia la Notizia", condotta in questo periodo da Ezio Greggio e Michelle Hunziker, ha divulgato ieri un'allerta di sicurezza informatica.


(continua sotto)
promo


  

Mi capita sporadicamente di seguire la trasmissione che apprezzo molto. Il servizio "Rapina a mouse armato" andato in onda ieri sera ha attratto particolarmente la mia attenzione poiché trattava sicurezza informatica e privacy, temi di cui scrivo spesso su queste pagine.

Moreno Morello, assieme a due consulenti informatici forensi, ha dimostrato caratteristiche ed effetti di un pericoloso attacco informatico attualmente in corso.
Il servizio giornalistico è presentato in chiave comica, ma il rischio è molto serio.


(continua sotto)
promo

  

L'appello (dura circe 3 minuti) può essere rivisto sul sito della trasmissione (vedi Striscia la notizia | - Rapina a mouse armato - Video Mediaset).

In breve chiama a porre particolare attenzione ad email dalle seguenti caratteristiche:
 - oggetto tipo: "Il vostro ordine di riferimento 25557"
 - testo tipo:
"Ciao, consigliere
È necessario pagare il debito dal.
{link pericoloso!!!}"

L'utente vittima, attraverso tecniche di phishing, è portato all'apertura dell'allegato che in realtà può avviare un malware che cripta (con CryptoLocker) il contenuto del disco rigido rendendo molti file inservibili. L'attacco è poi concluso con la richiesta di un riscatto di circa €400,00 da pagare entro 72 ore in criptomoneta.

La tipologia di attacco è conosciuta come Ransomware (vedi Guida - Riconoscere ed eliminare virus Polizia Postale (ukash)).

Nel servizio si è anche spiegato sinteticamente l'uso dei bitcoin e si è potuto verificare che sui due conti, di intestatari anonimi, che raccolgono i proventi dei rapimenti di file dell'ultima settimana, vi sono circa $100.000,00. Più genericamente Morello dice dopo nel servizio che questi cybercriminali dispongono di un capitale di quasi $43.000.000,00.

L'uso della valuta virtuale rende ancora più difficoltoso rintracciare i cybercriminali come spiega il Col. Alberto Reda Comandante del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza.

(continua sotto)
promo

In alcuni casi i file possono essere recuperati (vedi Decodificare i file bloccati da Cryptolocker: ecco il tool pronto per l'uso) senza pagare il riscatto, ma è sicuramente più efficace fare una buona prevenzione.

Di seguito alcune indicazioni:
 - diffidare sempre delle email provenienti da indirizzi sconosciuti
 - diffidare sempre delle email con oggetto inconsueto
 - diffidare sempre delle email che sembrano tradotte male
 - diffidare sempre delle email con allegati
 - eseguire regolarmente il backup almeno dei file importanti
 - dotarsi di strumenti di sicurezza informatica



Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Link utili:
Striscia la notizia | - Rapina a mouse armato - Video Mediaset
CryptoLocker - Wikipedia 
Decodificare i file bloccati da Cryptolocker: ecco il tool pronto per l'uso
Difendersi da Cryptolocker e dagli altri ransomware
La soluzione per Cryptolocker
CryptoLocker, gli utenti non pagano più | Webnews

Siti consultati:
striscialanotizia.mediaset.it/
it.wikipedia.org/
ilsoftware.it/
achab.it/
webnews.it/
amazon.it/


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.




(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

venerdì 7 novembre 2014

Tivusat - Disponibili UKRAINE TODAY e ARTE

Nuovi canali disponibili su TivùSat

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]




Leggo sul profilo Facebook di Vogliamo tutti i canali del Digitale Terrestre su TivùSat e condivido.


(continua sotto)
promo

  




Riporto la descrizione dei canali così come descritta nel post:

Segnaliamo l'arrivo in numerazione TivùSat di alcuni canali stranieri degni di nota:
- il primo è il mitico Arte, canale bilingue (francese e tedesco) che propone ottimi documentari (e film, in particolare quelli italiani sono disponibili anche nella nostra lingua selezionando la traccia "V.O." sul decoder)
- il secondo è un canale all-news in lingua inglese acceso ad agosto, proveniente dall'Ucraina.
Potete trovare UKRAINE TODAY sul canale 77, mentre ARTE è visibile sul canale 72 e in HD sul 110 (attenzione però, anche il canale SD è, purtroppo, visibile solo con decoder HD)

Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!




Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.




(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.