martedì 17 ottobre 2017

Bufale e news dalla puntata del 13/10/2017 de "Il Disinformatico"

Alcune note sull'ultima puntata de Il Disinformatico
ultimo aggiornamento 22/10/2017


Ascolto spesso la trasmissione radiofonica Il Disinformatico di Paolo Attivissimo che va in onda sulla radio Svizzera in lingua italiana RSI Rete Tre. In broadcast va il venerdì mattina alle 11:00 ma il network diffonde rapidamente un ottimo podcast che, alleggerendo la traccia della pubblicità e della musica, permette di ascoltare esclusivamente i contenuti a tema (e fa risparmiare un po' di tempo).

Scansiona il QR-Code quì sotto per guardare o condividere questo articolo passandolo allo smartphone, al tablet o all'iPod  touch
(continua sotto)


Da oggi ho rimesso nuovamente a disposizione il link diretto al podcast a partire dal blog. Basta scorrere sul lato destro per scegliere e ascoltare una tra le ultime 5 puntate disponibili. Solo per ricordarlo allo stesso modo sono disponibili i podcast di 2024 e Smart City di Radio24.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Di seguito gli argomenti della puntata de Il Disinformatico dello scorso 13/10/2017. Questa settimana sono andato un po' lungo e l'ho ascoltato solo oggi. Gli editori che mettono a disposizione i podcast (dovrebbero farlo tutti) permettono ai propri follower di rimandare l'ascolto al momento per loro più idoneo. Non credo si possa negare che è possibile un'ottima esperienza di ascolto anche in ufficio, durante un allenamento (magari una corsa), nel traffico in auto, durante il tragitto coperto a bordo dei mezzi pubblici o in sala d'attesa dal dentista.

Terminato l'elogio del podcast torniamo ai contenuti... 
Gli argomenti discussi nella trasmissione, elencati sotto, sono affrontati puntualmente su attivissimo.blogspot.it/, il blog di Attivissimo.

Antibufala: torna l’allarme (falso) per i rossetti al piombo | Il Disinformatico 

Oltre a trattarsi di un falso allarme mette a rischio di denuncia chi lo ha condiviso. Infatti nel messaggio sono citati alcuni brand del settore che escono evidentemente danneggiati da questa burla. La notizia è falsa come lo sono citazioni delle le testimonianze degli ignari medici “dott. ssa Claudia Pirisi, oncologa” e “dottoressa Elizabeth Ayoub, medico biomolecolare”. Ho più volte indicato quali sono gli accorgimenti utili per riconoscere una bufala ma la regola più efficace è quella che ci ricorda anche Paolo: "nel dubbio non inoltrate".

Per approfondimenti ascolta il podcast leggi l'articolo di Paolo o anche questi altri che affrontano lo stesso tema:


Antibufala: la colletta di WhatsApp per la neonata cieca | Il Disinformatico

Questa settimana sono due le bufale oggetto della trasmissione. È tornata in circolazione questa che vedrebbe (cit.) "il proprietario di Whatsapp, non so come [perdindirindina] si chiama" (Paolo suggerisce Zuckerberg!) impegnato nell'assistenza di questa bambina (a loro dire) non vedente. In realtà, e per fortuna, la bambina non è cieca e non ha nulla a che fare con la storia descritta nel messaggio.

Se vuoi ascolta il podcast, leggi l'articolo di Paolo oppure leggi altri dettagli interessanti su questo altro articolo pubblicato su butac.it/

Purtroppo il fenomeno delle bufale è sempre più difficile da arginare, come anche quello delle fake news. Il tema è molto sentito ma basterebbe un'adeguata consapevolezza. Un buon punto di partenza consiste nel conoscere i siti che se ne occupano. Paolo Attivissimo ne cita alcuni nella trasmissione:


Microsoft, aggiornamenti di sicurezza importanti risolvono attacco già in corso | Il Disinformatico

Paolo Attivissimo esorta gli ascoltatori ad aggiornare la propria copia di Windows per evitare un attacco hacker in corso in questi giorni che sfrutta una falla di Office. Purtroppo la velocità che caratterizza il nostro tempo è spesso complice del cybercrime per cui fare l'aggiornamento è decisamente una buona idea.

Se vuoi ascolta il podcast, leggi l'articolo di Paolo oppure leggi i dettagli diffusi da Microsoft:
Release Notes - October 2017 Security Updates EN

Video: se la telecamera di sorveglianza di casa comincia a parlarti hai un problema | Il Disinformatico

Proprio questa settimana rispondevo all'elogio delle webcam di sicurezza di un mio amico che sì, sono un portento della tecnologia domestica moderna ma nelle mani sbagliate possono rivelarsi molto pericolosi. Nel caso esaminato da Paolo sembrerebbe trattarsi semplicemente di burloni o di utenti che cercavano di far comprendere alla malcapitata che non aveva adottato le misure minime di sicurezza che il buonsenso vorrebbe.
Un malintenzionato potrebbe utilizzare la webcam come una finestra sulla casa in attesa di poter compiere un'intrusione o di aiutare (dietro compenso) altri ad introdursi in casa.
Questo tipo di strumenti va messo in sicurezza. Un interessante suggerimento di Paolo consiste nell'utilizzare il motore di ricerca shodan.io/

Se vuoi ascolta il podcast, leggi l'articolo di Paolo o questo in inglese sul New York Post
Woman’s hacked webcam tells her to ‘suck my d—‘ EN

Promemoria: se lavori per la sicurezza nazionale, non usare “admin:admin” come login e password | Il Disinformatico

Spesso ho parlato dei rischi legati alla poca attenzione prestata alla sicurezza informatica in azienda. Il caso citato da Attivissimo è però australiano ed è emblematico. Probabilmente neanche in casa si fanno ancora questo tipo di errori così grossolani.

Se vuoi ascolta il podcast, leggi l'articolo di Paolo o questo in inglese sul Sunday Morning Herald

Concludo col dire che se troverete interessante questo tipo di post potrei anche riproporlo in futuro.
Lo spazio dei commenti e tutti i miei contatti sono a disposizione per vostri eventuali suggerimenti e osservazioni.

LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com


Link utili:
Antibufala: torna l’allarme (falso) per i rossetti al piombo | Il Disinformatico
Antibufala: la colletta di WhatsApp per la neonata cieca | Il Disinformatico
Microsoft, aggiornamenti di sicurezza importanti risolvono attacco già in corso | Il Disinformatico
Il Disinformatico
Prova gratis il servizio Amazon Prime
Torna su Whatsapp la bufala “Donne… Attenzione!” e i rossetti contenenti piombo
Rossetti col piombo e pubblicità - BUTAC - Bufale un tanto al chilo
La catena con la neonata cieca e Whatsapp
Release Notes - October 2017 Security Updates EN
Woman’s hacked webcam tells her to ‘suck my d—‘ EN
Hacker codenamed in honour of Home and Away's 'Alf' stole sensitive data EN

Siti consultati:
attivissimo.blogspot.it/
rsi.ch/
shodan.io/
davidpuente.it/
portal.msrc.microsoft.com/ EN
amazon.it/
nypost.com/ EN
smh.com.au/ EN
bufale.net/
butac.it/
bufalopedia.blogspot.it/
giornalettismo.com/
ilpost.it/
leggendemetropolitane.net/
medbunker.blogspot.it/

Twitter:
@DavidPuente
@disinformatico
@butacit


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.




DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.