domenica 27 febbraio 2011

Wind - Twitter SMS

Wind è il primo operatore italiano a lanciare il nuovo servizio Twitter® SMS, che permette ai clienti Wind di ricevere gratuitamente i Tweet dei propri contatti direttamente sul telefonino e di pubblicare un Tweet sul proprio profilo con l’invio di un semplice SMS (ndr al costo da piano tariffario).

Approfondisci su:


Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!

Conosci Android?

Per qualche giorno sono stato off-line per via di impegni di lavoro. Ma eccomi di ritorno! Spero di poter recuperare presto tutto il lavoro arretrato!

Passo subito a rispondere ad una domanda che mi avete posto in questo periodo di assenza.



piro68 mi chiede:
Conosci Android?
Che ne dici?

Caro piro68, certo lo conosco e lo trovo molto interessante. Android, sistema operativo di casa Google per smart-phone, è, secondo Canalysis, leader del mercato mondiale nel suo segmento. Nokia, da quanto appare dalle statistiche di chiusura del 2010, ha perso quindi la leadership. L'aver aperto il sorgente di Symbian, non è stato sufficiente a mantenere tale primato. Inoltre Android ha avuto una forte spinta essendo diversi i produttori di hardware ad averlo adottato. Nella tabella seguente un quadro del mercato mondiale:
SOQ4 2010 vendite
in milioni
%Q4 2009 vendite
in milioni
%crescita
Q410/ Q409
Totale101,2100,00%53,70100,00%88,60%
Google33,332,90%4,708,70%615,10%
Nokia31,0030,60%23,9044,40%30,00%
Apple16,216,00%8,7016,30%85,90%
RIM14,614,40%10,7020,00%36,00%
Microsoft3,13,10%3,907,2%-20,30%
Altri3,002,90%1,803,40%64,80%

La tabella evidenzia in modo particolare la bruciante crescita per Google.

È di questi giorni la notizia dell'accordo Nokia-Microsoft, che vede impegnati i due colossi per costituire un "ecosistema" alternativo. Si parla di ecosistema perché le nuove piattaforme prevedono, per gli sviluppatori, la possibilità di pubblicare programmi sugli shop on-line creando così un'attività direttamente proporzionale al numero di smart-phone (e oggi anche tablet) in circolazione.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!

Per scrivere questo articolo ho consultato i link:



sabato 19 febbraio 2011

Sicurezza - Total XP Security

Cos'è Total XP Security? 
Total XP Security è un software dannoso per il computer (malware), appartenente al gruppo definito (in gergo) Fake Antivirus o Rogue Software. È un falso antivirus che inganna la vittima con segnalazioni (altrettanto false) di infezioni sul PC ed, oltre ad infettare esso stesso il pc con processi software indesiderati, emula gli effetti di un comune virus: rallentamento e problemi in fase di navigazione internet. Lo scopo più evidente degli autori della truffa è l'acquisto della licenza del software da parte della vittima.
 
Questo tipo di truffa sfrutta sofisticate tecniche di persuasione:
  • inizialmente è offerto al "fortunato" utente un prodotto gratuito e "fenomenale" al quale "non può assolutamente rinunciare";
  • con la falsa scansione è creato un falso bisogno;
  • infine vende una falsa soluzione.
Una navigazione più attenta rende facilmente questi strumenti inoffensivi. State attenti là fuori!
 
Vi sono molte versioni di questo falso antivirus, che attaccano versioni specifiche di Windows, tra cui:
  • Total XP Security
  • XP Internet Security
  • Antivirus Vista 2010
  • Win 7 Antispyware
Negli articoli citati è indicato come verificare l'effettiva infezione ed eventualmente eseguirne la rimozione.
 
Per scrivere questo articolo ho utilizzato i seguenti link:

Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!
 

venerdì 18 febbraio 2011

[Guida] XM5800 - Caricare POI Metano su Nokia Ovi Maps [aggiornato il 01/02/2013]

Se hai un Nokia che integra un'antenna GPS sul quale gira Symbian, sei un metanista o semplicemente vuoi sapere qualcosa in pià sull'uso dei POI sul tuo XM5800 leggi questo articolo che è un po' lungo ma piuttosto completo. 

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Una delle funzioni per le quali ho acquistato uno smartphone è il navigatore GPS integrato. Mi necessita  Lo uso in particolare quando esco in auto ed ho bisogno di trovare i distributori di metano che a volte sono in posti sperduti, sempre fuori dalle autostrade e lontani dalle vie principali. Vado spesso in Calabria, una regione con una bassissima densità di stazioni per km e senza navigatore non saprei come fare.

(continua sotto)
promo

Il mio Nokia Xpress Music 5800 è perfetto con l'antenna A-GPS integrata e le mappe aggiornate di Ovi Nokia Maps. Ottime le segnalazioni dei limiti di velocità e degli autovelox fissi. Al mio scopo mancano solo i PDI (punti di interesse) o POI (points of interest) delle stazioni di servizio di metano italiane.

Non ho trovato una fonte diretta di POI già pronti per Nokia Ovi Maps. Su internet, grazie al contributo degli utenti  di diverse community, sono diversi i siti, blog e forum che offrono questi file liberamente. I rilasci sono disponibili più facilmente per TomTom e Garmin. Nel mio caso, ho dovuto fare qualche trasformazione.

Ho scaricato i POI in formato CVS da un sito specializzato (vedi poigps.com sotto nei Link utili).  Accedendo con utente e password alla sezione Downloads sono disponibili diverse collezioni di POI:

(continua sotto)
promo

Nell'area Distributori (1), alla seconda pagina, è disponibile il link Distributore Metano per scaricare i POI del Metano in formato CSV gentilmente messi a disposizione da slrntn


Per completare il download sarà necessario inserire un codice di sicurezza di tipo kaptcha. L'archivio zippato Distributore_Metano.zip contiene:

  • Distributore_Metano.bmp (icona Metano)
  • Distributore_Metano.csv (lista POI)
  • IMPORTANTE.TXT  (avviso sullo sfruttamento)
  • LeggimiBene.doc (indicazioni per segnalatori di POI)
  • Licenza.txt (la licenza dei POI)

Il file di interesse è Distributore_Metano.csv
Il formato CSV, pur essendo standard visualizzabile con Notepad e Microsoft Excel, non è comprensibile per il mio Nokia XM5800. Bisogna eseguire preventivamente la conversione nel formato LMX. A questo scopo è possibile utilizzare un servizio on-line che acquisisce il file e permette di convertirlo nel formato desiderato (LMX appunto).

(continua sotto)
promo

Si deve poi, salvare il file e trasferirlo sul cellulare con il bluetooth o via USB.

Se si è inviato il file mediante bluetooth, si dovrà aprire il messaggio ricevuto, selezionare tutti i punti e salvare.

Se si è invece trasferito il file in una cartella sul telefono, mediante l'applicazione Gestione File sarà sufficiente aprire il file, selezionare tutti i punti e salvare.

In questo modo i PDI delle stazioni di metano verranno riconosciuti automaticamente (potrebbe volerci un po'). Al termine dell'operazione, un messaggio del sistema confermerà l'avvenuto caricamento di 848 POI.

Puoi scaricare il file realizzato già pronto per l'utilizzo 20111106.Distributore_Metano.lmx
(per ricevere i successivi aggiornamenti di questo file iscrivi la tua mail nella parte destra del blog in Ricevi gli aggiornamenti)

(continua sotto)
promo

Per raggruppare i punti di interesse caricati ad una categoria puoi seguire le indicazioni riportate in XM5800 - Aggiungere POI Metano a categoria.


Per eseguire l'aggiornamento di POI caricati in precedenza utilizzando questo file è necessario preventivamente cancellare i PDI obsoleti seguendo le indicazioni riportate in  XM5800 - Cancellare rapidamente POI metano altrimenti si potrebbero verificare delle fastidiose duplicazioni.

Gestire oltre 800 POI può diventare impegnativo per il device. Per caricare solo i PDI di una zona d'Italia leggi Nokia - Preparare POI Metano filtrati per regione.

Rivolgo un ringraziamento particolare ai team di Garmin POI Manager e poigps.com che mettono a disposizione gratuitamente queste risorse e servizi senza i quali non avrei potuto scrivere questo articolo.

Hai utilizzato questa procedura con successo su di un altro Nokia? Faccelo sapere, è molto importante!


Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.


Download: Fast, Fun, Awesome

DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

martedì 15 febbraio 2011

Mi serve un computer! Quale compro?

Ciao Giusy, rispondo oggi alla domanda, nel virgolettato sotto, che gentilmente mi hai inviato all'indirizzo vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it, che ricordo è a disposizione per qualsiasi domanda come anche i commenti sul blog (sotto il post), la pagina Facebook e Twitter.  

Ho una piccola azienda a conduzione familiare. Vogliamo comprare un computer che agevoli il nostro lavoro quotidiano. Servirà ad emettere bolle e fatture, per ricevere posta elettronica dai partner e occasionalmente per navigare su internet. Non possediamo ancora un computer. Temiamo di spendere più del dovuto e di farci raggirare.
Come possiamo fare una scelta senza commettere grossi errori?
Grazie per l'eventuale risposta.

La domanda è sicuramente interessante per molti. La mia risposta cercherà di semplificare e sintetizzare l'argomento che, ti assicuro, può diventare di estrema complessità.

L'esperienza nell'uso di un computer è certamente utile per capire meglio di cosa si ha bisogno. Per fortuna, oggi i prezzi sono notevolmente calati e, l'eventuale errore costerà molto meno. Per evitare di farsi raggirare è indicato cercare dei professionisti, specialmente se è necessaria assistenza e formazione. A mio avviso è meglio spendere un po' di più, evitando così inutili grattacapi. Certo, dipende molto dalla disponibilità economica e dalla criticità del computer nel processo produttivo.
Bisogna fare una prima distinzione fondamentale. Sul mercato vi sono diversi sistemi operativi, con quote sensibilmente differenti. I più vicini a quello che mi sembra il tuo tipo di utilizzo sono:
  • Apple
  • Linux
  • Windows
Per un neofita, che non ha coscienza di avere bisogno di Mac o Linux, probabilmente è preferibile Windows. È certamente il più diffuso nel segmento privati e pmi.
Cos'è un sistema operativo? Puoi approfondire l'argomento su Wikipedia.
Utilizzare Windows mette al riparo da problemi di compatibilità tra sistemi operativi diversi, i driver sono pubblicati con maggiore celerità, la conoscenza disponibile su internet è praticamente illimitata. Mac è più indicato per settori specifici mentre Linux è più vicino ad ambienti universitari e comunque per utenti esperti. Sono molteplici ed interessanti le offerte nel segmento server che per questo caso specifico tralascerei. La scelta del sistema operativo oggi non è definitiva. Linux può essere istallato su PC (come su Mac) anche in un secondo momento. Più vincolante è la scelta di un Mac nonostante, da qualche anno, questi computer (non chiamateli PC!) utilizzino i medesimi microprocessori Intel dei PC. Solitamente costano di più e rimangono ottimali per l'uso di MacOS.
Una volta scelto il sistema operativo, Windows, è necessario scegliere la tipologia di dispositivo. Sono volutamente state ignorate soluzioni workstation e server perché, secondo me, rappresenterebbero un sovradimensionamento in termini di costi come di prestazioni. Le categorie principali tra quelle attinenti sono le seguenti.
  • Netbook
  • Tablet
  • Notebook
  • PC Fisso compatto
  • PC Fisso
Quali altri tipi di computer ci sono? Anche in questo caso, per approfondire l'argomento trovo efficace leggere Wikipedia.
Sconsiglierei il netbook, che pur rimanendo un'ottima soluzione per la posta elettronica ed internet, pur essendo disponibile a prezzi inferiori, per la ridotta dimensione dello schermo, sarebbe certamente scomodo per la bollettazione e fatturazione, inoltre non essendovi già disponibile un PC sarebbe di certo insufficiente per un utilizzo business. I netbook solitamente sono sprovvisti di lettore/masterizzatore CD/DVD.
Sconsiglierei anche il Tablet. Il costo è prossimo a quello di un PC, ma: senza tastiera; anche in questo caso, con un monitor molto piccolo; anche questo sprovvisto di masterizzatore; sarebbe di certo inadatto a rappresentare l'unico dispositivo informatico in azienda.
Rimangono quindi le tre soluzioni:
  • Notebook
  • PC Fisso compatto
  • PC Fisso
Questi tre tipi di PC hanno minori differenze rispetto ai dispositivi precedenti. Per scegliere tra questi è necessario soffermarsi sulle esigenze particolari e sulle evoluzioni di utilizzo che gli utenti potranno avere nei prossimi 2/3 anni. Vedere film, ascoltare musica, fare fotoritocco, programmare; sono alcune delle esigenze che richiedono caratteristiche più performanti. Se si conosce già i programmi che dovranno essere utilizzati la scelta sarà ulteriormente facilitata. 
Il notebook è certamente la soluzione più comoda se è necessario spostare il PC dall'azienda, in auto o a casa. Se si vuole acquistare un solo dispositivo, si raccolgono ordini, si fanno dimostrazioni, si viaggia molto, si lavora da casa, è certamente più indicato questo tipo. Inoltre, il notebook permette un maggiore ordine. Si vedranno fili solo quando il notebook è utilizzato. Quando non serve può essere riposto nella borsa. Non necessita di gruppo di continuità avendo a bordo le proprie batterie. Nella scelta si faccia attenzione alla rumorosità, al peso, alla durata della batteria, alla presenza di almeno 4 porte USB. Scarterei l'utilizzo di processori Atom. Utilizzandolo solo quando serve, avendo la possibilità di chiuderlo e tenendo tutto sulla scrivania è meno soggetto ad impolverarsi. Gli svantaggi dei notebook sono grosso modo i seguenti:
  • scaldano un po' (ormai, a mio avviso, si ha solo una maggiore percezione del calore!)
  • non sono molto personalizzabili in termini di componenti interni (ad un modello corrisponde una certa configurazione hardware)
  • in caso di guasti del pc, il monitor difficilmente potrà essere riutilizzato
  • a parità di componenti è più costoso di un PC assemblato
  • le dimensioni dello schermo oscillano tra i 15 e i 17 pollici circa 
Il PC fisso compatto rappresenta una soluzione a metà strada tra il netbook ed il pc fisso. Rispetto al portatile permette di avere schermi più grandi (da 19 a 22 pollici). Ha gli stessi difetti elencati sopra tranne l'ultimo. Inoltre è poco trasportabile, ma di contro permette un maggiore ordine sulla scrivania ed è di gradevole veduta avendo un design più ricercato. Avendo la possibilità di coprirlo facilmente e tenendo tutto sulla scrivania è meno soggetto ad impolverarsi. Non è provvisto di batterie proprie, e, per evitare perdite di dati e rischi hardware, necessita di un gruppo di continuità.
Il PC fisso è la soluzione più dinamica e, a parità di componenti, più economica. Permette un'estrema personalizzazione della componentistica ed è maggiormente predisposto a riparazioni ed upgrade hardware.
Nei netbook e nei pc compatti, software e hardware precaricati sul modello sono già ingegneristicamente sinergici. La compatibilità hardware, in caso di assemblaggio, è demandata alla bravura dell'istallatore.
In ambienti polverosi, specialmente se il case è sul pavimento, è consigliata una pulizia interna periodica. Eviterei l'utilizzo con le mani sporche. Comunque si potrà periodicamente sostituire la tastiera.
 
A questo punto servirebbe un maggiore dettaglio sulla componentistica e sulla dotazione software, ma credo di avere già esaustivamente risposto alla domanda.
Ciao Giusy, spero di esserti stato utile.
Facci sapere come è andata a finire!
Per qualsiasi ulteriore dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!
Per scrivere questo post ho utilizzato i seguenti link:

venerdì 11 febbraio 2011

Skype - Aggiungere una persona alla conversazione

Le chiamate voce via internet sono una rivoluzione nel mondo della telefonia "classica". Un mercato che il web ha scosso pesantemente.

Skype è un programma freeware, inventato da Niklas Zennström e Janus Friis, di proprietà di eBay dal Settembre 2005, che permette le chiamate cosiddette VoIP (Voice over IP).

Negli ultimi mesi si è parlato moltissimo di Skype. Sul finire  del 2010, vi è stato un imbarazzante blackout. A Gennaio 2011 invece Skype ha raggiunto il record con 27.000.000 di utenti connessi contemporaneamente. La forte crescita è certamente legata alla disponibilità del software sui cellulari.

Nel 2010 abbiamo festeggiato la disponibilità di Skype su Symbian, il sistema operativo degli smart-phone

Sul blog non parlo molto di questa applicazione, ma cercherò di recuperare anche perché la uso molto: da PC come dal mio Nokia XM 5800.

Vediamo ora di tornare in argomento. Una funzione di Skype che trovo particolarmente utile, usata molto nelle aziende, è la call conference. Uffici dislocati sul territorio possono dialogare (anche in video), scambiare collegamenti e condividere file. Con un'infrastruttura dal costo irrisorio è possibile organizzare una riunione senza effettuare onerosi spostamenti. A differenza delle call effettuate con le apparecchiature più professionali, una call conference Skype non costa nulla.  

Per fare una call conference, chiamata anche Skype conference o semplicemente call, si può avviare la comunicazione con un gruppo oppure aggiungere interlocutori ad una discussione già avviata.

Per questa seconda modalità, durante una chiamata già aperta, è sufficiente cliccare col tasto destro sul contatto da aggiungere e cliccare su  invita alla discussione. Se vi sono più utenti da invitare basta ripetere l'operazione per ogni ulteriore utente.
Buona telefonata!

Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!

Per scrivere questo post ho utilizzato i seguenti link:


Guida - Word 2007: Numerazione di pagina, discontinua in un documento

Oggi rispondo ad una domanda che mi è arrivata da Gianni per vie "traverse" ;)
Ultimo aggiornamento 24/04/2014

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]
In un documento ho impostato i numeri di pagina. La prima pagina ha numero di pagina 1. Voglio inserire tre pagine vuote, quindi senza numerazione, prima della pagina 1, senza che questa però cambi numero.

A questo scopo utilizzeremo le sezioni di Word.




(continua sotto)
promo

  

1 - Creiamo un nuovo documento word nel quale inseriamo del testo e il numero di pagina in alto a destra come nella figura seguente.



2 - Posizioniamoci avanti al testo del documento che abbiamo sulla prima riga della pagina e inseriamo 3 interruzioni di pagina dal comando relativo sulla toolbar che si vede nella figura seguente.






3 - Adesso il testo è alla pagina 4 come vediamo nella figura seguente.



4 - Dal tab Layout di pagina si clicki su Interruzioni e sotto Interruzioni di sezione si selezioni Pagina successiva come visibile nella figura sotto.



5 - Facendo doppio click sul numero di pagina appariranno le due sezioni appena separate. Si noti nella figura sotto che nella parte bassa a sinistra del foglio superiore troviamo Piè di pagina - sezione 1, mentre nella parte alta a sinistra del foglio inferiore troviamo Intestazione - sezione 2 



6 - Nella toolbar di Word cliccare sul tasto Collega a precedente come in figura sotto, per separare le sezioni. Il fatto che sia acceso indica che le sezioni sono collegate, noi dobbiamo scollegarle.





Scansiona il QR-Code quì sotto per guardare o condividere questo articolo passandolo allo smartphone, al tablet o all'iPod  touch
(continua sotto)

7 - Nella sezione uno cancelliamo il numero di pagina che sparirà anche dalle altre pagine della sezione. Selezioniamo il numero di pagina della seconda sezione e modifichiamone il formato vedi la figura seguente.



8 - Facciamo ripartire la numerazione da 1 ed il gioco è fatto!





(continua sotto)
promo

  

Come risultato dei passaggi precedenti avremo un documento Word diviso in due sezioni. All'ultima pagina troveremo il testo di esempio PAGINA1 e il numero di pagina 1 in alto a destra. Le pagine precedenti sono tutte bianche sena alcun numero di pagina. Per vedere esattamente il risultato ho pubblicato il .docx risultante. Per il link vai sotto in Risorse.


Alla prossima!
Se il post ti piace dillo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.


(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

martedì 8 febbraio 2011

TigerText - Questo messaggio si autodistruggerà tra 5 secondi!

Al TG di ieri sera ho seguito un servizio su questa applicazione per smart-phone. Nel filmato era usato un iPhone, ma, sul sito http://www.tigertextapp.com/ è disponibile anche la versione per Android, BlackBerry e Windows 7 mobile. Questo software sarà sembrato molto interessante a chi usa inviare SMS che, se divulgati o scoperti, potrebbero risultare compromettenti. A giudicare dal numero di download eseguiti dalla sua uscita, sono proprio tanti gli utenti che hanno a cuore la propria privacy: circa mezzo milione da Febbraio 2010 (fonte: Wall Street Journal online).

Chi non ricorda la frase "Attenzione! Questo messaggio si autodistruggerà tra 5 secondi!" che in Mission: Impossible II, un film di John Woo del 2000, precede la deflagrazione degli occhiali high-tech di Tom Cruise?
Questa applicazione sembrerebbe portare questo concetto nelle nostre tasche.






TigerText è un'App che permette la cancellazione dei messaggi, su entrambi i telefoni coinvolti nella comunicazione, dopo un tempo prestabilito (da 60 secondi fino a 30 giorni) o semplicemente alla lettura. Nel servizio si accostava il nome dell’applicazione a quello di Tiger Woods, golfista e fedifrago di fama internazionale "tradito" (è il caso di dirlo!) proprio dagli SMS che inviava alle sue amanti. L'azienda nega che questi abbia fatto da "musa ispiratrice"!

Come funziona TigerText?

Perché funzioni, è necessario che la TigerText App sia istallata sul cellulare del mittente e su quello del ricevente. Questo potrebbe risultare un po' scomodo. In molti, a mio avviso, apprezzerebbero tale funzionalità presente nativamente sui dispositivi.

Alla ricezione dell’SMS inviato, sarà impossibile salvarlo o inoltrarlo, né si potrà recuperarlo dopo l’autodistruzione.


TigerText permette anche il medesimo funzionamento per foto e video.
Oltre ai messaggi autodistruttivi offre anche altre funzionalità, come:
  • lo stato del messaggio inviato: se è stato ricevuto e se è stato letto;
  • il tracciamento della cancellazione dei messaggi;
  • è social: trova altri amici che usano l'App. 

Probabilmente tra le centinaia di migliaia di utenti che hanno scaricato l’applicazione, vi saranno personaggi famosi, uomini d’affari, politici, magistrati, agenti segreti e (perché no?!) amanti fedifraghi.

Disponibile anche una versione TigerText Pro a pagamento, una piattaforma collaborativa evoluta per un utilizzo business.

TigerText è scaricabile gratuitamente da App Store.
Peccato non vi sia una versione per Nokia.

Questi i link che ho consultato per scrivere il post:

Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Alla prossima!
 
 
 

martedì 1 febbraio 2011

Eugene Kaspersky a Milano per rilanciare sull'Smb

Debutta la suite di sicurezza Kaspersky Small Office Security versione 2 dedicata al mondo SMB. Per il 2011 si punta anche ad aumentare in maniera decisa le vendite online. [continua..]


Secondo Eugene Kaspersky "Nel giro di pochi anni il mercato dei sistemi operativi sarà completamente rivoluzionato". Trovo molto interessante, questa affermazione e anche quella che secondo lui sarà l'immediata evoluzione dei dispositivi tecnologici, anche mobili, che utilizziamo oggi. Qualche prototipo a marchio Motorola è già in circolazione. Ne ha parlato Gianfranco Giardina nelle puntate di 2024 dedicate al CES 2011 di Las Vegas.


Per qualsiasi dubbio scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gli aggiornamenti del blog direttamente dal RSS feed, su twitter o in email.
Seguimi anche su Facebook.
Alla prossima!

Facebook - Yakket per modificare lo stato Facebook da Twitter

Yakket è un'applicazione Facebook che in pochi passaggi permette questa operazione a mio avviso molto utile. Ho utilizzato questa soluzione per la pagina Facebook di Per Parlare di Web e mandare lo stream Twitter nello stato di Facebook. In questo modo quando pubblico un post, parte un tweet e contemporaneamente è inserito un nuovo stato su Facebook.

Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.

Alla prossima!



Facebook - Da profilo, condividere una pagina con i propri amici

Nell'articolo Facebook - Suggerire una pagina ai propri amici  ho descritto la procedura per chi la pagina l'ha fatta. In questo articolo, soprattutto perché me lo avete chiesto, vedremo come fare per condividere una specifica pagina altrui a partire da un profilo personale. Grazie a giNno e JuveKid che rispettivamente mi chiedono:

"Come posso suggerire una pagina altrui a tutti i miei amici di facebook?"
"Cosa vede un mio amico quando condivido una pagina su Facebook?"

Innanzitutto ringrazio entrambi per avermi fatto la domanda e approfitto per ricordare che anche Per Parlare di Web ha la sua pagina Facebook e la utilizzeremo per gli esempi di oggi.
Dopo l'accesso a Facebook, digita il nome della pagina in ricerca. Durante la digitazione il software offre delle corrispondenze. Sarà sufficiente scegliere quella desiderata quando sarà visualizzata.



Al caricamento della pagina desiderata, si può utilizzare il link in basso a sinistra: "Condividi". 



Possiamo inserire un commento sulla pagina. Scegliere con quale gruppo di contatti condividere la pagina e confermare cliccando su condividi.



Il sistema conferma l'avvenuta pubblicazione. A questo punto, guardando il nostro profilo, in bacheca comparirà la condivisione della pagina di Per Parlare di Web.






Per qualsiasi altro dubbio, segnalazione o critica scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal RSS feed, seguimi su twitter o via  newsletter e adesso (appunto!) anche su Facebook.
Alla prossima!